venerdì 11 agosto 2017

Recensione: La Cifra Corretta - Simone Palmanti



TRAMA


Un ragazzo, alla ricerca di una verità importante, incontra qualcuno che cambierà per sempre la sua vita, rubandogliela. Come spesso accade, il destino, attraverso accadimenti inattesi e percorsi imprevedibili, fa incontrare persone che in altre circostanze non ne avrebbero mai avuto l’occasione. Con motivazioni differenti, due fratelli altoatesini, una improbabile coppia ispano-ligure di sconclusionati investigatori, un tranquillo impiegato di una azienda di trasporti internazionali ed una rampante ragazza dai capelli rossi, devono unire gli sforzi per scoprire il motivo di un omicidio camuffato da suicidio.

RECENSIONE

Da subito quest'opera ha suscitato in me un elevato grado di interesse. C'è un'ottima dose di originalità nella costruzione della trama, cosa non facile quando ci si avventura nel genere thriller, dove cadere nel banale è uno dei rischi principali. Le tre coppie di personaggi (citate poco sopra) si intrecciano lungo il racconto in modo intelligente, alimentando furbescamente la curiosità del lettore, costretto a fermarsi per saltare continuamente da un punto di vista all'altro. Ho apprezzato la caratterizzazione dei personaggi, molto leggeri e capaci di strappare una risata al lettore. Obiettivamente sono costretto a fare anche un paio di appunti, citando piccoli dettagli che mi hanno, diciamo, fatto storcere il naso. Nonostante lungo tutta l'opera si noti un'ampia conoscenza di vocaboli da parte dell'autore, sono presenti alcune ripetizioni e sviste che sarebbero state facilmente evitabili, ma questa è una colpa maggiormente attribuibile all'editor, più che all'autore stesso.

Complessivamente un libro che mi sento di consigliare, diverso dal solito per struttura e contenuto, piacevole alla lettura e ideale per gli amanti dei gialli/thriller.

-----------------------------------------------------

Ti è piaciuta questa recensione? Non dimenticare di condividerla sui tuoi profili social. Se non l'hai ancora fatto, puoi seguire il blog premendo il tasto in basso a destra. Alla prossima!


Nessun commento:

Posta un commento